Chi Siamo

Ruote Libere è un progetto ideato da Sara e Alessia Michielon, due sorelle accomunate dalla voglia di rendere il settore turistico più inclusivo.

Si impegnano affinché la cultura venga garantita a tutti senza limitazioni e discriminazioni.

Come nasce l’idea di RUOTE LIBERE?

L’idea di Ruote Libere nasce da una vacanza in Toscana durante la quale le due sorelle hanno riscontrato non poche difficoltà ad accedere ai vari luoghi culturali.
Le difficoltà erano dovute ad una imprescindibile necessità di Alessia: la sedia a ruote.
In alcuni luoghi ha potuto effettuare una sola parte di percorso, in molti altri per lei non vi era neppure la possibilità di accedere, in quanto erano presenti barriere architettoniche e nessun ausilio!
In seguito a quest’esperienza Sara e Alessia hanno deciso, partendo dalla loro regione, il Veneto, di mappare tutti i luoghi culturali accessibili da loro visitati mettendo a disposizione di altre persone con disabilità motoria queste informazioni.
In questo modo viene data la possibilità a tutti di sapere anticipatamente quanto un luogo sia accessibile per organizzare con maggior consapevolezza e tranquillità la propria esperienza culturale.

Cosa propone il progetto?

Il sito si configura come un portale in cui sono raggruppati i luoghi culturali Veneti visitati direttamente da Sara e Alessia.
Ogni luogo è classificato in base al livello di fruibilità:

  • Accessibilità: possibilità per persone con disabilità di usufruire appieno del luogo culturale;
  • Visitabilità: possibilità per persone con disabilità di usufruire solo in parte al luogo culturale e ad almeno un servizio igienico;
  • Adattabilità: Luogo attualmente non accessibile.

Questi sono 3 parametri presenti nelle normative attualmente in vigore, nello specifico dal D.M. 236/89 art.2 punto G, e riportate con un linguaggio adatto a tutti.

Per ogni luogo culturale sono presenti:

  • Informazioni rispetto ad ausili e ostacoli interni ed esterni
  • Foto che attestano la visita e la veridicità delle informazioni date
  • Informazioni pratiche del luogo (es. orari, contatti, indirizzo)
  • Spunti per visite culturali in piena autonomia

Realizzare e rendere i luoghi accessibili è costoso ma a volte basterebbe partire da quello che già c’è e semplicemente ADATTARLO, con piccoli accorgimenti, facendo in modo di renderlo FRUIBILE A TUTTI.
Il fatto di creare qualcosa di accessibile per chi ha una particolare disabilità, rende la struttura o il servizio comodo e fruibile da parte di tutta la popolazione.

Una città diventa veramente accessibile quando anche la cultura della città stessa è resa accessibile!

Skip to content